Nella Piazza del Libro di Chieri storia e memoria del territorio

CHIERI – Tutto pronto per la Piazza del Libro. Si tratta della prima edizione di una manifestazione che porterà in piazza editori, autori, associazioni e biblioteche che si occupano di editoria locale. Per due giorni, sabato 8 e domenica 9 settembre, piazza Umberto I, l’antica piazza Delle Erbe, ospiterà gli espositori che presenteranno le loro pubblicazioni e le loro iniziative. In un’area adibita, accanto ai gazebo degli espositori si succederanno di persone appassionate di storia e memoria del territorio.

L’evento, organizzato a ridosso della festa patronale di Chieri, è promosso dall’associazione culturale chierese Giuseppe Avezzana appoggiata dal Comune. A tutti coloro che nei due giorni acquisteranno un libro e anche a chi presenterà uno scontrino emesso l’8 ed il 9 settembre da negozi e pubblici esercizi di Chieri, verrà regalato un libro fra i tanti che le biblioteche, le case editrici e le associazioni del territorio hanno messo a disposizione per l’iniziativa. I libri in dono saranno esposti in un apposito spazio al centro della piazza e verranno distribuiti fino ad esaurimento della disponibilità. In entrambe le giornate la manifestazione si svolgerà dalle 9,30 fino alle 19 e sarà ad ingresso libero.

Sabato alle 16,30 nella Piazza del Libro Furio Ciciliot, presidente della Società Savonese di Storia Patria e corresponsabile del Progetto Toponomastica Storica, presenterà il progetto Toponimi storici di Chieri, Castelnuovo don Bosco e Pino Torinese. I nomi di luogo rappresentano delle preziose fonti storiche, un patrimonio culturale intangibile che merita ogni tutela. Un toponimo può descrivere una situazione o un evento remoto, a volte giunto ai giorni nostri storpiato e altre volte inequivocabile, narrandoci vicende storiche altrimenti insondabili. Nel 2011 nacque il Progetto Toponomastica Storica (Pts), una raccolta sistematica rigorosa di nomi di luogo desunti da documenti, quasi sempre anteriori al XVIII secolo. Ad oggi, Pts ha pubblicato 38 fascicoli dedicati ad altrettanti territori comunali attuali della Liguria e del Piemonte; in totale si sono schedati e pubblicati oltre centomila nomi di luogo già utilizzati da oltre due secoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: