Nessuno come noi

Amore, crescita e ricerca di sé nell’ultimo libro di Luca Bianchini

(Mondadori, 18.00 euro)

Nichelino, 10 maggio 2017. Incontro con l’autore, mercoledì 10 maggio al Factory – centro giovani Marco Fiorindo (via del Castello 15) – dove Luca Bianchini presenterà, a partire dalle 18.00, la sua ultima fatica letteraria: Nessuno come noi.

Edito da Mondadori, il libro narra le vicende di un gruppo di amici e compagni di classe che frequentano la terza liceo di un istituto torinese, nel lontano 1987. Vincenzo, per gli amici Vince, aspirante paninaro e aspirante diciassettenne, è innamorato di Caterina, detta Cate, la sua compagna di banco di terza liceo, che invece si innamora di tutti tranne che di lui. Senza rendersene conto, lei lo fa soffrire chiedendogli di continuo consigli amorosi sotto gli occhi perplessi di Spagna, la dark della scuola, capelli neri e lingua pungente. In classe Vince, Cate e Spagna vengono chiamati “Tre cuori in affitto”, come il terzetto inseparabile della loro sit-com preferita. L’equilibrio di questo allegro trio viene stravolto dall’arrivo di Romeo Fioravanti, bello, viziato e un po’ arrogante, che è stato già bocciato un anno e rischia di perderne un altro. Romeo sta per compiere diciotto anni, incarna il cliché degli anni ’80 e crede di sapere tutto solo perché è di buona famiglia. Ma Vince e Cate, senza volerlo, metteranno in discussione le sue certezze. A vigilare su di loro ci sarà sempre Betty Bottone, l’appassionata insegnante di italiano che li sgrida in francese e fa esercizi di danza moderna mentre spiega Dante. Anche lei cadrà nella trappola dell’adolescenza e inizierà un viaggio per il quale nessuno ti prepara mai abbastanza: quello dell’amore imprevisto, che fa battere il cuore anche quando “non dovrebbe”.
In un liceo statale dove si incontrano i ricchi della collina e i meno privilegiati della periferia torinese, Vince, Cate, Romeo e Spagna partiranno per un viaggio alla scoperta di se stessi senza avere a disposizione un computer o uno smartphone che gli indichi la via, chiedendo, andando a sbattere, scrivendosi bigliettini e pregando un telefono fisso perché suoni quando sono a casa. E, soprattutto, capendo quanto sia importante non avere paura delle proprie debolezze.

“Crescere a Nichelino è stato un grande privilegio, ma l’ho capito trent’anni dopo – dice Luca Bianchini – Il mio adorato liceo aveva questa magia di essere in un punto strategico della periferia torinese, raccogliendo ragazzi di Nichelino, di Trofarello, di Moncalieri, e della collina benestante. Questo strano mix ha permesso a tutti di arricchirci molto di più dal punto di vista umano, che è poi la vera ricchezza: abbiamo capito subito che il mondo era complicato, che era diviso, ma che noi potevamo fare qualcosa per renderlo più magico.”

LUCA BIANCHINI vive tra Torino e Roma, dove conduce la trasmissione radiofonica “Colazione da Tiffany” su Rai Radiodue. Ha pubblicato con Mondadori Instant Love (2003), Ti seguo ogni notte (2004), la biografia di Eros Ramazzotti, Eros. Lo giuro (2005), Se domani farà bel tempo (2007), Io che amo solo te (2013), Dimmi che credi al destino (2014). Dal 2007 conduce all’alba su Radio 2 la trasmissione Colazione da Tiffany. Scrive su «Vanity Fair», per cui tiene un blog, Pop up, e su «la Repubblica» nelle pagine di costume. Ha intervistato gli Abba, “Harry Potter” e Michael Stipe, e ne è molto orgoglioso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: